Cate Blanchett presiede la Giuria del Festival di Venezia

Cate Blanchett presiederà la giuria internazionale del concorso della Mostra del Cinema di Venezia

0
239
 Cate Blanchett
 Cate Blanchett

Cate Blanchett presiederà la giuria internazionale del concorso della Mostra del Cinema di Venezia

La nota attrice e produttrice americana Cate Blanchett chiamata a presiedere la giuria della 77 esima Mostra del cinema di Venezia che si terrà dal 2 al 12 settembre 2020. La produttrice sarà personaggio cruciale della giuria della Mostra internazionale d’arte cinematografica della Biennale di Venezia che assegnerà il Leone d’Oro. Previsti una serie di premi speciali, soprattutto quello per il miglior film. Lo scorso 10 gennaio il CDA della Biennale, presieduto da Paolo Baratta ha deciso di scegliere lei come capo di tutta la giuria tecnica.

La soddisfazione di Cate Blanchett per la nomina ricevuta

Cate Blanchett ha fatto sapere di sentirsi particolarmente onorata di ricoprire questo ruolo. La professionista considera la Mostra del cinema di Venezia è una delle più importanti della storia di questa arte. E’ molto stimolante soprattutto, perché sarà presidente di giuria. Inoltre, Alberto Barbera, che è il direttore artistico del settore cinema specifico, sostiene che questa donna oltre ad essere attrice e produttrice, è anche una grande esperta. Inoltre, ha sottolineato il suo impegno in ambito umanitario, artistico e cinematografico ma anche per l’ambiente. E’ davvero un esempio da seguire.

La 77 esima edizione della Mostra

La Mostra del cinema di Venezia intanto è arrivata alla sua 77 esima edizione. Questa del 2020 con Cate Blanchett, come presidente di giuria, si terrà a partire dal 2 di settembre prossimo e sarà sicuramente scenario di tantissime altre nomination. Dopo aver applaudito ai film com Elizabeth, adesso finalmente potrà mettere in campo la sua competenza per valutare i suoi colleghi registi, produttori e attori. Del resto, non sorprende la scelta di questa donna proprio perché si tratta anche di un modo per dare un tono ad una figura che è diventata, al di là dei pregiudizi maschilisti un riferimento per l’intera società cinematografica e non.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here