Docenti di religione dimenticati da tutti: le lamentele fioriscono senza risultati

Docenti di religione richiedono le cattedre ma la proposta viene negata

0
466
docenti di religione
docenti di religione Riconoscimento editoriale: Blasting News

Docenti di religione, prosegue la loro battaglia per l’ottenimento del ruolo

Docenti di religione più agguerriti che mai, stavolta però non sembrano volersi arrendere, anzi tutto il contrario.

Il ministro dell’istituzione dopo tante richieste e tanti appelli durante la giornata di ieri ha imposto il divieto sul concorso riservato alla categoria di insegnanti di religione.

Di conseguenza l’ammissione dei docenti precari da 15 anni in attesa del bando non avverrà mai. Continua ad essere un appuntamento senza data, non definito.

Docenti di religione, non previsto alcun reclutamento per loro nei prossimi periodi

Docenti di religione sempre meno considerati nella scuola italiana e nell’ambito istruzione. Fioramonti ieri è intervenuto durante l’audizione che si è tenuta In commissione congiunta Cultura di Camera e Senato sulle linee programmatiche del Miur.

Ciò che ne è venuto fuori è stato che non è al momento prevista nessuna procedura di reclutamento di docenti di religione cattolica.

Di conseguenza è stata confermata l’assenza di provvedimenti del decreto scuola approvato nei giorni scorsi.

Vista così la situazione non sembra essere affatto grave ed invece lo è perché a quanto pare ci sono circa 2 mila idonei del concorso del 2004 e da coprire 15 mila posti vacanti. Ma nessuno almeno non per adesso vuol muovere un dito e cambiare la situazione.

La soluzione più rapida: modificare la legge e alzare la soglia dell’organico

Ciò che bisognerebbe fare per cambiare le sorti degli insegnanti meno considerati da sempre, sarebbe superare il vincolo posto dalla legge n. 186/2003.

La legge in questione infatti fissa l’organico dei docenti di religione di ruolo al 70% del numero complessivo delle cattedre già formate.

Intanto si attende il parere della Corte di Giustizia Europea, che potrebbe cambiare anche se di poco la situazione applicando importanti modifiche. Per esempio? Alzare la soglia al 90%, permettendo così di sbloccare molti più posti.

In questo modo sarebbe possibile sbloccare le tanto attese immissioni in ruolo successive al concorso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here