Inclini all’ansia per colpa dei geni, lo studio

Inclini all'ansia a causa dell'evoluzione, ecco la scoperta che ha messo in luce una modifica genetica molto importante

0
296
inclini all'ansia
inclini all'ansia

Inclini all’ansia a causa dell’evoluzione, ecco la scoperta che ha messo in luce una modifica genetica molto importante

Il cervello è cambiato in maniera evolutiva e le persone sono sempre più inclini all’ansia. II risultato dello studio condotto presso la Tokohu University giapponese pubblicato anche sulla rivista BMC evolutionary biology, fa leggere come ci sono stati dei cambiamenti evolutivi che hanno modificato il rapporto sullo stato emotivo. Gli studiosi infatti, hanno ricostruito dei cambiamenti nell’ assorbimento dei neurotrasmettitori nel corso dell’evoluzione. Le proteine ancestrali di vmat1 infatti, sono cambiati molto nel modo in cui si comportano rispetto al cervello. Basti pensare al fatto che ogni individuo contiene delle istruzioni di codici che vanno a comporre il materiale genetico. I ricercatori giapponesi hanno scoperto come questi geni nel corso del tempo sono cambiate e il modo in cui si muovono è molto più tendente all’ansia. 

Inclini all’ansia per colpa dei geni

Secondo gli studiosi giapponesi siamo sempre più inclini all’ansia per colpa dei geni punto infatti, studiando i vmat1 emerge come il modo in cui vengono assorbiti è totalmente cambiato. L’assorbimento del neurotrasmettitore di ogni genotipo è cambiato molto nel corso del tempo e quindi, questo fa capire come si ha una maggiore inclinazione nei confronti dell’ansia. La proteina infatti, ha dimostrato che qualcosa sta modificando il modo in cui reagiamo alle situazioni. 

Una minore resistenza alla depressione

Secondo quanto emerge dagli studi effettuati dai ricercatori giapponesi, ad oggi saremo più inclini alla ansia perché comunque c’è meno resistenza alla depressione. Questo è anche un atteggiamento evolutivo che ha cambiato il modo in cui si assolvono determinati neurotrasmettitori. Qualcosa sta cambiando anche da un punto di vista fisiologico e così, il genere umano è in continua evoluzione. La depressione perciò non è soltanto un fattore psicologico ma è diventato anche neurologico ed è ancora sotto esame da parte dei neuroscienziati giapponesi.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here