Scarpa automatica l’ultima novità che semplifica la vita

Scarpa automatica la soluzione per disabili, anziani e malati

0
276
Scarpa automatica
Scarpa automatica Riconoscimento editoriale: Donna Glamour

Scarpa automatica, una grande premessa che velocizzerà tutto

Scarpa automatica, sta arrivando nelle nostre case per semplificare tutto. Nessuna paura o preoccupazione nemmeno nel caso in cui si dovesse avere un braccio rotto, qualche problema alle dita e così via. Perchè grazie al progetto del quale stiamo parlando si aggiunge l’ennesima attività quotidiana compiuta in maniera meccanica. La scarpa automatica infatti fa uso del movimento dei tessuti, cambia forma per facilitare e velocizzare l’operazione.

Il tutto ovviamente risolve il problema del doversi chinare per chi non può farlo o dell’utilizzare le mani per coloro che hanno qualche problema a calzare le scarpe. Il prototipo è stato studiato da Yvonne Hung, una studentessa del Royal College of Art di Londra, che ha ideato la scarpa.

Scarpa automatica, ecco come funziona

Scarpa automatica, ci si chiede come funziona la calzatura. Ebbene, il sistema di apertura della scarpa sfrutta il peso del corpo di chi poggia il piede sulla suola. In quel momento infatti scatta la chiusura automatica.

Per togliere la scarpa e quindi avviare la riapertura basta azionare una leva che va premuta. La leva attiva il sistema e il piede viene di conseguenza liberato.

Altri modelli di scarpe simili con chiusura automatica

Già in passato era stata ideata una scarpa automatica simile, ma allo stesso tempo con qualche piccola differenza. Per esempio altri modelli si allacciano semplicemente da soli. Funzionano però o a batterie, o a sensori, o con delle applicazioni che innescano in qualche modo il movimento.

Invece in questo caso nessun sensore e nessuna batteria. Adesso l’obiettivo della ragazza è trovare un’azienda produttrice di calzature disposta a trasformare il progetto in un vero e proprio prodotto. Il prodotto semplificherebbe la vita a malati, bambini, anziani e tanto altro. Si attendono notizie per proseguo del progetto.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here