Tardigradi, scoperto il tallone d’Achille di questi organismi

Scoperto il tallone d'Achille dei tardigradi, alcuni tra gli animali più tosti del mondo: non resistono per troppo tempo alle temperature alte

0
418
tardigradi
tardigradi

Scoperto il tallone d’Achille dei tardigradi, alcuni tra gli animali più tosti del mondo

I tardigradi sono alcuni degli animali più forti al mondo, ma, gli scienziati hanno trovato il tallone d’Achille anche per loro. Questi organismi soffrono le alte temperature e quindi, se esposti al caldo per troppo tempo potrebbero morire. Se vero che questi microrganismi sono famosi per la loro adattabilità, si è scoperto che in realtà potrebbero scomparire facilmente a contatto col calore. Gli scienziati sanno benissimo che i microrganismi sopravvivono senza ossigeno, con dei tuffi in acqua bollente, con le radiazioni cosmiche ed al congelamento. Ma, hanno dei punti deboli. Possono resistere alle temperature elevate solo per pochissimo tempo. Man mano che passano le ore, quando c’è troppo caldo, rischiano di morire.

I tardigradi e la scoperta scientifica

La scoperta scientifica sui tardigradi è arrivata da parte degli esperti che hanno pubblicato lo studio su Scientific Reports. In pratica, si è cercato di capire come l’impatto dei Global Warming potesse influenzare anche tali elementi. In particolare, gli scienziati stanno lavorando per capire come il riscaldamento globale possa influenzare gli animali. Si è scoperto che anche tali microrganismi potrebbero avere un problema in caso di caldo eccessivo.

I dati esperimenti sulla loro resistenza

Gli scienziati dell’università di Copenaghen hanno analizzato alcuni tardigradi per cercare di capire la loro resistenza fin dove si spinge. Quelli che non sono adattati alle alte temperature muoiono nel 50% dei casi dopo 24 ore a più di 37 gradi. Invece, quelli che si fanno acclimatare per più tempo, possono resistere più a lungo. Comunque la resistenza è limitata e non è per sempre. La chance di sopravvivenza degli orsetti d’acqua migliora, ma non di molto. Ecco perché bisogna fare molta attenzione alla resistenza nel tempo e cercare di capire qual è il loro comportamento.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here