Tibet, la battaglia per il distretto dei parchi nell’altopiano

Il distretto di parchi nell'altopiano è uno degli obiettivi del Tibet per proteggere l'ecosistema Unico della Regione

0
460
Tibet
Tibet

Il distretto di parchi nell’altopiano è uno degli obiettivi del Tibet per proteggere l’ecosistema Unico della Regione

La popolazione del Tibet ha deciso di promuovere il distretto di parchi nell’altopiano. Infatti, la Regione Autonoma della Cina sud-occidentale ha annunciato la costruzione di parchi nazionali sul famoso altopiano Ginghai Tibet nel corso del 2020. Il Presidente del Governo regionale Qizhala ha deciso di annunciare la costruzione di parchi nazionali sull’Altopiano, in modo tale da proteggere questo importante ecosistema che è unico al mondo. Un’attenzione particolare per l’ambiente e soprattutto, per questa area sud occidentale della Cina che rappresenta da sempre un importante punto di riferimento.

Il Tibet è in prima linea per proteggere i suoi parchi

La Regione Autonoma del Tibet ha deciso di scendere in prima linea per proteggere il monte Qomolangma e anche il Quiangtang e il Sanjiangyuan. L’idea è quella di realizzare un parco nazionale interprovinciale dove all’interno si trova il Sanjiangyuan dove ci sono le sorgenti del fiume giallo e del fiume Lancang. Una battaglia che si pensa sarà molto attesa per cercare di salvaguardare uno dei territori più belli di tutto il pianeta. Talvolta è un panorama anche tra quelli più a rischio. Oltre a essere meta turistica, è anche famosa per la sua storia millenaria.

La storia dell’ altopiano più bello della Centrale

L’altopiano del Tibet si trova nell’Asia centrale ed è uno dei territori più belli del mondo. La sua storia è iniziata nel 617 dopo Cristo ed ha acquisito anche una sua autonomia diventando una Regione Autonoma . E’ stato dominato dall’impero tibetano e poi della rinascita del bullismo. Non è un caso infatti, che si trovano tra i più bei monasteri buddisti del pianeta. Dopo la dominazione mongola e quella cinese, questo territorio ha visto anche un po’ di influenza politica dell’Occidente. Dopo il Dalai Lama e l’occupazione cinese, ad oggi rappresenta un miscuglio di etnie davvero molto interessante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here