Video dei bambini, limitata la raccolta dei dati da parte di YouTube

Video dei bambini, limitata la raccolta dei dati da parte di YouTube. Ecco la decisione della società

0
154
video dei bambini
video dei bambini

Video dei bambini, limitata la raccolta dei dati da parte di YouTube. Ecco la decisione della società 

YouTube decide di limitare la raccolta di dati sui video dei bambini dopo la richiesta dell’autorità per una serie di problemi relativi alla privacy. Il colosso di condivisione dei file sulla raccolta dei dati sui diritti dei minori per dare una risposta a quella che era stata richiesta dell’autorità. I creatori di contenuti, adesso dovranno rispondere se i contenuti che stanno pubblicando possono essere di interesse dei bimbi oppure no. A partire da gennaio, i contenuti che hanno i bambini come riferimento non dovranno avere commenti ed inoltre, non avranno all’interno dei pop-up né tantomeno avranno un pubblicità mirate al loro interno. Tutto era iniziato quando l’autorità aveva mostrato qualche perplessità sul funzionamento del sistema YouTube nel confronto con i minori.

Video per i bambini, la risposta di YouTube

Quando i video sono destinati ai bambini, bisogna cambiare totalmente il sistema. YouTube a partire dal gennaio avrà un modo completamente diverso di approcciarsi ai video di minori. Innanzitutto, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, sarà chiesto a chi crea contenuti e chi sono i destinatari dei video e se ci sono i bambini, le regole saranno completamente diverse. Cercare di trovare un equilibrio tra privacy, il modello di business, la pubblicità mirata è molto difficile, ma non impossibile.

La scelta di YouTube e di Google

La scelta di YouTube di tutelare i bambini che usano determinati contenuti, dopo il sollecito dell’autorità, sarà  agire oramai nelle prossime due settimane. I video dei bambini saranno tutelati rispetto agli altri, in modo tale da cercare di salvaguardare la privacy e non creare delle influenze nei minori. Il modello di base deve essere superato in modo da poter tutelare chiunque sia l’utente che utilizza questo tipo di piattaforma. 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here